fbpx

La visita diabetologica a Sciacca avviene presso l’ambulatorio di Diabetologia del distretto sanitario di base di Sciacca. La sede è il poliambulatorio che si trova dietro l’ospedale di Sciacca.

Se si ha il diabete si ha il diritto ad alcune esenzioni prescritte dal Servizio Sanitario Nazionale – Regione siciliana.

Sul sito del presidio territoriale di Sciacca si trova scritto

Nell’ambito del Presidio Territoriale di Assistenza (PTA) rientrano i servizi di cura di primo livello che prevengono il ricorso alle cure ospedaliere o consentono di abbreviare il ricovero. Il PTA con i servizi che ne fanno parte, è allocato nella sede centrale del Distretto Sanitario, in via Pompei all’interno dell’area ospedaliera.

Stando ai dati della Società italiana di diabetologia, la Sicilia è la regione con più alto tasso di malati. Le abbondanti colazioni al bar e i pranzi domenicali hanno, dunque, i loro effetti.

Prima visita diabetologica a Sciacca

E’ necessario andare dal proprio medico di base per richiedere un primo accesso alla visita diabetologica presso l’ambulatorio di diabetologia di Sciacca.

Con la ricetta (bianca) si va al CUP, il centro unico di prenotazione, dell’azienda sanitaria provinciale di Agrigento, che si trova nell’edificio 2 dell’ospedale di Sciacca. Per intenderci, l’edificio 2 si trova accanto l’entrata del pronto soccorso.

Qui prenotare.

Prenotazione visita diabetologia tramite CUP

Gli orari e i numeri per telefonare o recarsi personalmente al CUP di ciascuno distretto agrigentino è possibile trovarli nella pagina ufficiale dell’ASPAG (Azienda Sanitaria Provinciale di Agrigento).

Per Sciacca

Poliambulatori del Distretto di Sciacca unificato con l’Ospedale di Sciacca per il Servizio Cup è possibile telefonare al numero verde 800589444

Il servizio telefonico funziona, ma dato il numero esiguo di personale (una persona che risponde a tutte le telefonate) e la mole di telefonate che giungono da tutta la provincia, non è facile prendere la linea. Insistere, insistere, insistere deve essere il vostro motto.

E’ possibile inoltre prenotare recandosi personalmente allo sportello del poliambulatorio sito al piano terra dell’edificio 2 del Presidio Ospedaliero in orari d’apertura.

L’ufficio è aperto tutti i giorni dal lunedì a venerdì dalle ore 8.15 alle ore 13.30.

Il martedì e il giovedì, oltre agli orari del mattino è possibile recarsi allo sportello dalle ore 15.30 alle ore 17.30

Dato l’altissimo numero di diabeti in provincia, è possibile che l’appuntamento vi venga dato dopo 3/4 mesi.

Come eseguire la fila a CUP di Sciacca

Alle ore 8.15 viene messo a disposizione l’elimina code. Ossia lo strumento che mette a disposizione i numeri che verranno chiamati per la prenotazione. Inutile dunque alzarsi all’alba.

Questa misura è stata presa a causa di alcune persone che, nonostante si trovavano nelle stesse condizioni di necessità di altri, si credevano più furbi. Chi, infatti, si trovava nei paraggi di Sciacca, andava a ritirare il proprio numero, la sera prima di fare la fila. La mattina seguente si recavano nell’ufficio all’orario di apertura scavalcando tutti coloro che erano arrivati nella mattinata stessa. E magari scavalcava pure chi aveva fatto l’alba per fare la fila.

Si è dovuti ricorrere alle forze dell’ordine per ristabilire il senso civico e applicare le nuove regole.

Elenco esami visita diabete a Sciacca

E’ possibile che il vostro medico curante si dimentichi di avvertirvi che al poliambulatorio non si effettuano gli esami. Gli esami vanno prescritti precedentemente la visita diabetologica.

Esami necessari per effettuare la prima visita diabetologica

Creatinemia

Hb glicosilata

Microalbuminuria

Glicemia

Tgo / Tgp

Emocromo

Esame urine

Colesterolo totale

Colesterolo HDL

Trigliceridi

Autocontrollo domiciliare

Terapia farmacologica praticata

Inoltre è necessario mostrare all’endocrinologo

Autocontrollo domiciliare

e terapia farmacologica praticata.

Autocontrollo domiciliare

Per autocontrollo domiciliare si intende l’analisi che si effettua a casa proprio attraverso il proprio sistema per il monitoraggio della glicemia. E’ bene che la settimana prima della visita si verifichino i valori.

Due ore dopo aver mangiato a pranzo e a cena.

Il lunedì, il mercoledì e il venerdì.

L’autocontrollo domiciliare, al di la della visita diabetologica, va monitorata periodicamente.

Si può effettuare una volta ogni 15 giorni per verificare l’andamento della terapia.

Se la glicemia dovesse aggirarsi intorno ai 200 è necessario recarsi immediatamente da un medico.

Terapia farmacologica praticata

La terapia farmacologica praticata è semplicemente l’elenco di farmaci /medicine che sono state già prescritte dal medico di base.

La procedura completa per la prima visita diabetologica a Sciacca

Si va dal medico curante per la prenotazione della visita

Si prenota al CUP la visita

In base alla data di appuntamento, un paio di settimane prima si ritorna dal medico di base.

Si richiede prescrizione degli esami

Si fanno gli esami richiesti presso un ambulatorio di analisi.

Si va all’appuntamento come indicato dal CUP

Se non si è esentati da ticket è necessario verificare l’opportunità di bollare al CUP la ricetta.

Se si è esenti da ticket si attende il proprio turno.

Si viene chiamati

E si procede alla visita in base agli esami richiesti.

ATTENZIONE: Senza l’elenco degli esami necessari la dottoressa non può procedere alla visita. Si tratta di una visita medica. Saltato il turno vi tocca aspettare altri mesi prima della prossima visita.

La dottoressa preposta alla visita darà indicazioni sulle procedure seguenti e gli eventuali controlli da effettuare periodicamente.

Piano di Prescrizione dei Presidi

La dottoressa preposta al servizio, alla fine della visita, rilascerà un piano di prescrizione in cui indicherà un apparecchio per la determinazione della glicemia e relativi Strisce Reattive per Glicemia.

Con questo piano è necessario recarsi al bancone del presidio del poliambulatorio dove si riceverà

  1. un libretto dove si elencano le prescrizioni del medico specialista
  2. Un documento  che si dovrà portare dal proprio farmacista di fiducia e il modello dello strumento in uso (marca e modello dell’apparecchio) a cui richiedere l’acquisto di strisce e aghi.

Il piano di prescrizione ha validità per 12 mesi.

Diffusione del diabete in Sicilia, in Italia, nel mondo

Come dicevamo dunque la Sicilia è la Regione con più alto tasso di malati di diabete. Le abbondanti colazioni al bar e i pranzi domenicali hanno, a quanto pare, hanno i loro effetti. Ma il diabete non colpisce solo chi mangia troppi dolci. Gli ultimi dati dell’Organizzazione mondiale della sanità, indicano che il numero di persone colpite da diabete nel mondo è passato da 108 milioni nel 1980 a oltre 415 milioni nel 2014. Una vera epidemia, tanto che, entro il 2030 il diabete sarà la settima causa di morte a livello globale.

Cos’è il diabete?

Comunemente il termine è utilizzato per indicare una malattia cronica, inquadrabile nel gruppo delle patologie note come diabete mellito.

Valori, sintomi e fattori

Il diabete mellito è una malattia cronica caratterizzata dall’aumento della concentrazione di glucosio nel sangue.
Cosa succede? Affinché il glucosio possa fare il suo ingresso nelle cellule ed essere utilizzato come “carburante”, è necessaria la presenza dell’insulina. Se in base alla nostra alimentazione assumiamo troppi zuccheri (dolci, carboidrati, quali pane e pasta, in quantità eccessive) il pancreas produce talmente tanta insulina che ad un certo punto funziona parzialmente o smette di funzionare. Nel momento in cui l’insulina viene a mancare gli zuccheri che mangiamo restano nel sangue e non vengono più assimilati per far funzionare le cellule che di glucosio si nutrono.

Avere lo zucchero nel sangue al di sopra di una certa soglia produce dei danni al nostro organismo.

Il sito Diabete.net da indicazioni precise sui valori glicemici. In ogni caso, trattandosi della vostra Salute, affidatevi con fiducia ai medici. Né a questa pagina, né ad altri siti online. Anche se i medici possono sbagliare se ne assumeranno la responsabilità. Ma certamente sapranno indicare la cura più vicina alle vostre esigenze. Un sito web da indicazioni generali che non possono essere adeguate per tutti. Ciascuno di noi necessita di cure e attenzioni diverse. A seconda del caso.

La diagnosi

La diagnosi di diabete è certa con un valore di glicemia di 200 mg/dl, rilevato in qualunque momento della giornata o due ore dopo un carico di glucosio.

I sintomi più comuni di diabete sono spesso, febbre, aumento delle urine, sete abbondante, sensazione di stanchezza,
perdita di peso ingiustificata, pelle secca, infezioni inspiegabili.

I valori glicemici
La concentrazione di glucosio nel sangue si misura con la glicemia.
In soggetti sani, che hanno una vita regolare e un’alimentazione corretta, generalmente nell’arco della giornata i valori della glicemia si mantengono tra i 60 e i 130 mg/dl.
A digiuno, i valori glicemici possono variare dai 70 ai 110 mg/dl; tra 110 e 125 mg/dl si tratta di condizione di alterata glicemia a digiuno (IFG), una condizione che dovrebbe invitare il paziente a porre maggior attenzione al suo stile di vita e in particolare alla sua alimentazione.
Valori di glicemia uguali o superiori a 126 mg/dl, secondo l’American Diabetes Association , sono da considerarsi probabili sintomi di diabete.

Per evitare tutto questo esiste la prevenzione

I medici consigliano sempre la prevenzione sia che si soffra di diabete sia che si sia sani.

La prevenzione consiste nel buon senso di seguire una dieta bilanciata, mangiando meno zuccheri e grassi; non far mancare la frutta e le verdure nei propri pranzi e cene; evitare colazioni o cene con forti dosi di zuccheri (zuccheri vari, dolci, dolciumi, pane e pasta).

Controllare frequentemente il proprio peso.

Seguire una vita attiva e il  meno possibile sedentaria. Preferire le scale all’ascensore, camminare il più possibile, muoversi e fre esercizio controllato.

Non fumare o smettere di fumare. Oltre che salutare per polmoni e diabete, dal punto di vista economico è stato calcolato che in un anno è possibile risparmiare intorno ai 750 euro.

I soggetti a rischio periodicamente facciano analisi e controlli mirati. Ma soprattutto cambino stile di vita. Evitando il più possibile dolci e abbondanti pasti di carboidrati.

Per ogni dubbio rivolgersi al proprio medico curante!

Né questo blog, né altri siti web possono sostituirsi al proprio medico.

Attenzione

Questa pagina non si sostituisce al sito ufficiale dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Agrigento da cui sono tratti orari e indicazioni. In questa pagina mi sono limitato a riportare l’esperienza di chi ha seguito il percorso. Dato che l’azienda Sanitaria non da indicazioni in merito sul web, mi limito a riportarle su questo blog ad uso degli utenti che ne avranno bisogno.

Share This